Navigazione anonima

Tutti possono trarre benefici dall’anonimato su Internet: che tu sia un imprenditore, un giornalista, una spia, o un semplice utente che dà il giusto valore alla propria privacy, è importante sapere come difendersi. Quali sono i metodi migliori per raggiungere l’anonimato? La maggior parte dei browser offrono la “navigazione anonima”. Ma è davvero così?

Riuscire a navigare anonimamente, a casa o sul luogo di lavoro, non è particolarmente difficile. Ci sono molte opzioni per andare online in incognito, e non fa molta differenza l’uso di Mac, Windows, Linux o Android: l’importante è scegliere la soluzione giusta!

Modalità in incognito

Riuscire a navigare anonimamente, a casa o sul luogo di lavoro, non è particolarmente difficile. Ci sono molte opzioni per andare online in incognito, e non fa molta differenza l’uso di Mac, Windows, Linux o Android: l’importante è scegliere la soluzione giusta!

La cosa più facile è usare la “modalità in incognito” dei browser, che si trova su Chrome, Firefox, Opera, Edge e così via: una volta attivata, puoi stare sicuro che il PC non terrà traccia della cronologia di navigazione. Questa modalità è utile se avete cercato su google un regalo per qualcuno che ha accesso allo stesso dispositivo, e non volete rovinare la sorpresa. E’ anche consigliato usare la modalità incognito su PC pubblici: chi userà il computer dopo di voi non vedrà quali siti avete visitato.

La maggior parte delle modalità incognito bloccano anche i “cookies”. Questi piccoli file si installano sul tuo PC (avete presente quel disclaimer che appare su ogni sito?) e salvano le informazioni sul tuo comportamento su un certo sito web. Più avanti i cookies ti aiutano ad accedere al sito ricordandosi le tue abitudini e le pagine che hai visitato.

Non tutti sanno che anche se visiti un sito web in modalità incognito, vengono salvate su di te moltissime informazioni. Ciò significa che i siti (o meglio, i proprietari), sanno comunque la tua posizione fisica, il tuo indirizzo IP, il tuo comportamento sul sito e quale sito hai visitato dopo che hai lasciato il loro. Di conseguenza, anche il tuo internet provider e le istituzioni governative possono comunque sapere che cosa fai online.

Raggiungere un vero e pieno anonimato con la modalità in incognito non è però impossibile. Il browser “Opera” offre un’opzione gratuita per navigare attraverso una connessione VPN. I tuoi dati saranno crittati e fatti passare attraverso un server VPN, che permetterà di nasconderli da occhi indiscreti.

Navigazione anonima: proxy server

Un altro modo per navigare in maniera anonima è utilizzare i proxy server. Il proxy server funziona più o meno come una VPN, facendo passare il traffico web che richiedi attraverso un server che maschera il tuo indirizzo IP e, quindi, la tua posizione fisica. In questo modo, nonostante i siti web potranno comunque salvare informazioni sul tuo comportamento, non potranno connetterlo a te quand ritorni sul sito.

Molti browser danno la possibilità di impostare l’indirizzo IP di un server proxy. Sii prudente però: la differenza fondamentale tra proxy server e VPN è che i proxy server non offrono il livello di crittografia offerto dalle VPN. Dunque: non usare un proxy server se devi acquistare qualcosa, o accedere a qualche sito usando username e password: le informazioni non saranno crittate!

Privacy attraverso TOR

TOR (acronimo di “The Onion Router”, o “Il Router Cipolla”) sembrerebbe essere il metodo migliore per navigare nell’anonimato; però, a causa di come opera, ci sono alcuni svantaggi. TOR è una rete internazionale di computer connessi tra loro, gestita da volontari. Una volta fatto il login tramite uno speciale browser TOR, il tuo traffico internet passa automaticamente attraverso diversi computer, che criptano le informazioni volta per volta. Ecco il perché del nome: come una cipolla, la crittografia è a più livelli.

Lo svantaggio di questo eccellente metodo di sicurezza è la velocità con cui opera. Processare i tuoi dati a ogni step causa un rallentamento considerevole delle velocità di connessione. Questo rende lo streaming o il download praticamente impossibile. Dunque, TOR è la scelta giusta per chi vuole avere il massimo livello di protezione, a discapito dei tempi di attesa. Per la maggior parte degli utenti, però, la VPN si configura come il metodo migliore per avere il giusto compromesso tra sicurezza, privacy e velocità di connessione.

TOR explanation image

Privacy attraverso le VPN

Per raggiungere l’anonimato online, è fondamentale che nessuno abbia accesso ai dati che invii attraverso Internet e alla tua posizione geografica. Al momento, le VPN sono il metodo migliore per nascondere tali informazioni. Con la VPN, come TOR, i tuoi dati sono reindirizzati dal tuo Internet provider al tuo provider di servizi VPN. La differenza è che la VPN non usa una rete simile a quella di TOR: usa un solo punto di accesso, assicurando velocità molto maggiori.

Un aspetto importante delle VPN è che non devi affidarti a uno specifico browser, come accade per TOR. Le VPN, infatti, reindirizzano tutto il traffico internet del tuo dispositivo, piuttosto che solo quello che passa attraverso uno specifico browser. Infatti è particolarmente facile scaricare Bittorrent, giocare online o guardare video in streaming usando una VPN. Grazie a ciò, nessuno sarà più in grado di vedere di dove sei, qual è il tuo indirizzo IP e dunque di collegare le tue attività alla tua persona bloccando i contenuti in base alla tua posizione. I siti web e i servizi che usi vedono solamente l’indirizzo IP del tuo server VPN, tenendo al sicuro i tuoi dati mentre navighi, guardi video in streaming o scarichi.

Nessuna tracciabilità

Dato che comunque i fornitori di VPN sono in grado di vedere il tuo indirizzo IP – in fondo, il tuo traffico passa dai loro server – la maggior parte di loro promette di non salvare nessuna delle informazioni su di te tramite quella che si chiama “policy no-log”. Alcuni provider VPN non tengono in memoria nulla, altri tengono in memoria una quantità limitata di informazioni (limitata rispetto ai siti web o servizi che usi normalmente).

In sintesi, nessuna VPN è uguale alle altre, ed è dunque importante sapere e poter confrontare i loro servizi. Inoltre, dato che ogni azienda di VPN ha le proprie reti, cambiano di molto la quantità di server disponibili, la loro posizione e le velocità di connessione che garantiscono. Per aiutarti, abbiamo recensito per te i migliori servizi VPN, dettagliando i benefici e gli aspetti negativi di ognuna di loro.

Leave a Reply