Google, WhatsApp, Telegram, Youtube. Questi nomi li dai probabilmente per scontati. Questo, sfortunatamente, non è così ovvio quando si parla della Cina. E, sembrerebbe, la Russia potrebbe prendere esempio per quanto riguarda la censura.

La censura in Cina

Hai mai sentito parlare della Grande Muraglia Cinese? No, non quella fisica. Quella fatta di Firewall. Il governo, infatti, ha un modo ben chiaro di gestire le cose quando si tratta di Internet. Non vogliono avere niente a che fare con le piattaforme principali di media e messaggistica istantanea che usiamo noi occidentali, e si impegnano parecchio affinché il popolo cinese non possa usarle. Se il tuo social di riferimento è Facebook, o Twitter, quello cinese è WeChat. Anche a livello di messaggistica, non possono scegliere tra WhatsApp o Telegram: c’è solo WeChat.

Ma perché tutto ciò? Semplice: per avere il controllo delle comunicazioni, ed evitare la diffusione di propaganda o messaggi contro il governo. Grazie a questo controllo coatto di tutto ciò che è social, possono fermare in tempo i dissidenti. Ecco perché, se hai un telefono Android, non sarai in grado di accedere ai servizi di Google in Cina. Nessun Play Music, o Play Games, o persino Play Store. E, dato che la censura è qualcosa con cui i cinesi vivono da tempo, le VPN stanno iniziando a essere davvero popolari.

La censura in Russia

Come abbiamo già spiegato in uno dei nostri articoli più recenti, la Russia sta già combattendo contro le VPN. Questo è stato ormai rafforzato dal fatto che in prima istanza il parlamento ha fatto passare una legge che potrebbe replicare la Grande Muraglia (di Firewall) Cinese in Cina. Se il disegno di legge dovesse diventare realtà, tutti gli operatori telefonici dovranno instradare tutto il traffico attraverso dei filtri del governo. Come può il popolo russo accettare una legge del genere?

I sostenitori della legge affermano che questa è stata scritta solamente per dare al governo i mezzi per difendersi dai cyber attacchi. Non solo, potrebbe dare al governo Russo una scusa per procedere con il loro piano di staccare Internet per questioni di ricerca. Tutto ciò ha causato delle proteste in tutto il paese, che hanno portato a molti arresti. Nonostante le parole di rassicurazione da parte del Cremlino, la paura è che la Russia sarà completamente staccata dal mondo occidentale. Secondo Dmitry Peskov, queste misure “hanno l’obiettivo di assicurare il corretto funzionamento di Internet e di bloccare potenziali attacchi digitali contro la nostra nazione”.

L’importanza delle VPN

Le VPN sono l’opzione migliore quando si tratta di combattere la censura, aggirare i blocchi geografici e avere la possibilità di esprimersi in nazioni dove la libertà di parola non è garantita. Esse assicurano l’anonimato online e una connessione sicura e criptata. Magari tu le utilizzi solo per accedere al catalogo americano di Netflix, ma per molti sono l’unica strada verso la libertà di espressione. E l’unico modo per combattere la censura.

Se vivi in Europa, oltretutto, hai sicuramente sentito parlare dell’Articolo 13. Dunque, anche tu potrai aver bisogno in futuro di una buona VPN per rimanere parte della cultura dei meme. Per aiutarti a trovare la migliore VPN per i tuoi bisogni, ne abbiamo provate molte e abbiamo compilato una lista che spiega quali sono le dieci migliori sul mercato.

Per tutte le news riguardanti la privacy, dai un’occhiata al nostro blog!